Vivere grazie al network marketing: è possibile?

 
vivere-di-network.jpg
 

Se vuoi vivere grazie al network marketing, sì insomma se vuoi camparci stabilmente grazie ai guadagni che può dare (per cambiare vita ci vuole il giusto tempo) allora è fondamentale che leggi questo articolo. Un bello slogan dell'Avedisco di qualche tempo fa diceva:

CERCHI UN LAVORO?
Ti offriamo una professione!

Questo è correttissimo perché si tratta di un'attività da imprenditore e non ci si può avvicinare con la mentalità da dipendente.

Se decidi di aprire un'attività commerciale in proprio è obbligatorio prima conoscere il settore.

Cosa conosci ora di questo mondo?

Come di tutte le cose e le persone, c'è chi ne parla bene e chi ne parla male. Qualcuno ti dirà che è la scorciatoia per la ricchezza, qualcun altro che è una truffa. Vedrai pure esempi di segno opposto: una persona entra e guadagna bene per un po' di tempo e poi sparisce, un'altra invece rimane attiva per anni, pur non guadagnando grosse cifre.

Conoscere la realtà fa sempre bene, protegge da inutili entusiasmi e delusioni.

Hai mai sentito dire che il network marketing è un gioco di numeri?

Questo è vero, però... ti va che togliamo il velo dell'ipocrisia e diciamo le cose come stanno, senza prendere in giro nessuno?

 
Ritorno al futuro - Pannello di controllo
 

Sto per mostrarti il vero funzionamento di una rete di distribuzione mlm. Prima però facciamo un piccolo viaggio nel tempo.

Siamo a cavallo tra la fine degli anni ottanta e l'inizio dei novanta: in questo periodo parlare di marketing multilivello non è molto semplice, a causa soprattutto della generale ignoranza delle persone a riguardo.

I nomi che circolano (mi riferisco esclusivamente a quelle aziende, pienamente legali, che ho conosciuto) sono Amway, G.N.L.D., Herbalife, NSA (ora The Juice Plus+), Stardust: tutte società serie che, non a caso, esistono ancora oggi e sono associate ad Avedisco.

Ora che ci penso, uuuh... quante meteore ci furono negli anni a seguire: multilevel, che dovevano "spaccare il mondo" e di cui s'è persa la memoria.

C'era l'azienda con la crescita più veloce negli U.S.A. che stava per aprire il mercato in Italia, quell'altra fondata da alcuni tra i migliori leaders del momento provenienti da vari network, quell'altra ancora con degli integratori basati su un frutto esotico dalle proprietà miracolose, sconosciuto da noi ma di fama ed uso millenario nell'estremo oriente: e poi c'era quella, con il prodotto innovativo, difficile da capire ma destinato, nel terzo millennio, a diventare d'uso planetario.

E come dimenticare quella che utilizzava il piano compensi di nuova generazione, sviluppato dalle menti più brillanti del mlm, che stava seppellendo dappertutto l'ormai obsoleto break away plan: condivisione fino al 78% del fatturato con pagamenti giornalieri, settimanali, mensili e partecipazione agli utili globali! E quella dove versavi minimo due milioni di lire (esatto, parlo proprio di lire, lo sapete che una volta eravamo un paese a moneta sovrana?) e avresti ricevuto, entro un breve periodo, il doppio dell'importo in buoni carburante oppure fino a 4 volte in buoni spesa per abbigliamento ed altro da utilizzare nel circuito delle migliaia di negozi che stavano aderendo...

"e pensa che ora stanno cercando proprio i Soci Fondatori!"

Beh, se provavi a dire a quegl'invasati che si trattava di un classico schema Ponzi..

..mammamiasisalvichipuò!

...allora ti rispondevano che eri tu a non capire, che il sistema si finanziava con l'associazione dei commercianti al circuito e con la rivista venduta in edicola... e poi, comunque, "c'è gente che guadagna e pure tanto: ho visto gli assegni e i buoni carburante consegnati".

Risultato?

Fallimento!con oltre 210 miliardi di buco. Boom, Boom, BOOM!

Mi fermo qui, ma da raccontare ce ne sarebbero di cose! Comunque ha proprio ragione quello che dice "la mamma dei cretini è sempre incinta" ed io aggiungo che "ancor oggi fa parti plurigemellari..."

Ma per fortuna certe cose non succedono più! (Ok, non ho resistito e ho fatto la battuta...)

Dunque, circolava nell'ambiente una tabella ad uso e consumo dei gonzi: si trattava di un foglio di calcolo con la rappresentazione di una progressione geometrica su base 3. L'intenzione era mostrare come fosse possibile creare una grande organizzazione, sponsorizzando nel primo mese 3 nuovi incaricati e poi lasciando che il meccanismo di duplicazione andasse avanti in automatico, senza fare più nulla.

le balle del network marketing
le balle del network marketing

Citazioni celebri di allora (e non solo purtroppo) :

"Pensaci un momento: ritieni di potercela fare a trovare, in un solo mese, tra tutti i tuoi conoscenti, soltanto 3 persone?

Basta fare solo questo e non devi fare altro.

Pensi di riuscirci a trovarne solo 3 tra tutte le centinaia che conosci?

Certo che si: chiunque, per cambiare la sua vita, può farlo!"

Mentre i più smaliziati notavano che al mese 21 la popolazione mondiale sarebbe stata saturata, i sempliciotti restavano a bocca aperta e continuavano ad usarla: questo, nonostante non si fosse dimostrata minimamente realizzata per la loro attività.

Quelli che si sentivano più furbi avevano poi sviluppato la tecnica del gioco al ribasso: dato che all'ottavo mese il numero viaggiava verso le settemila persone di organizzazione, provavano a stimolare l'ospite dicendo che se invece di 8 mesi ci fossero voluti otto anni ne sarebbe comunque valsa la pena!

Quanti anni son passati da allora,                               quanti network sono nati in tutto il pianeta

Nel 2014 le stime più realistiche parlavano di circa 85 milioni di persone coinvolte nel multilevel marketing.

Quanta vuota teoria... la realtà è sempre diversa. Il mondo non è saturo di multilevel e di spazio ce n'è tanto per tutti.

"C'è da fare, c'è da fare...c'è sempre qualcosa da fare e tu lo sai..."

Un networker onesto non dovrebbe nasconderti la verità e con me, puoi stare sicuro, questo rischio non lo corri: in questa professione i numeri corrispondono a persone. La matematica non è un'opinione ma le relazioni umane seguono percorsi non lineari, quindi

preparati ad affrontare situazioni in continuo mutamento.

Come gestisco con efficacia la mia attività?

(prima parte)

Bene, andiamo sul pratico!

Tutto parte dalle persone che contatti: alcune entreranno nella tua attività come clienti, altre come incaricati, altre ancora saranno negative su tutta la linea. Queste ultime, se anche si mostrano diffidenti, non trattarle come nemiche: forse non è il momento giusto per loro e comunque c'è sempre la possibilità per un no, col tempo, di trasformarsi in un .

Proponendo l'attività a molta gente, troverai molti clienti: fai in modo di incrementarli e raggiungerne almeno un numero tra 20 e 30. Ti serviranno per crearti da subito una rendita automatica e, col tempo, dei "generatori di contatti" (referral):

Se li tratterai nel giusto modo, potrai tranquillamente attingere alla loro "lista nomi" (alla faccia di chi sentenzia che il passaparola è morto).

Alcuni di questi clientiti sorprenderanno chiedendoti, in seguito, di entrare in attività.

Pensa un po', nuovi incaricati che non dovrai nemmeno addestrare sui prodotti: sono già soddisfatti ed esperti.

Ti prometto sin da ora che, in un prossimo futuro, ti fornirò indicazioni pratiche su come tenere coinvolti i clienti nella tua attività.

...e tutti gli altri?

(beh, loro li trovi nel prossimo articolo...)

Come hai visto questo articolo è ricco di info, perché si possa metabolizzare bene tutto ci vediamo la prossima puntata!

come si fa a mangiare un intero bue arrosto?

un boccone alla volta!

Parleremo di quelli che invece diventeranno incaricati del tuo team, sponsorizzati sia direttamente che indirettamente.

Cosa è bene fare per loro(il bene per noi sarà una naturale conseguenza)

Come possiamo creare un team efficace e soprattutto felice?

Scoprilo subito nella seconda parte!